Gestione di praterie naturali con pascolo bovino controllato

L’azione prevede l’acquisto di bovini di razza autoctona lombarda “Varzese” che verrà utilizzata per la gestione dei prati planiziali a fini di miglioramento dello stato di conservazione dell’habitat, incremento nella disponibilità di invertebrati e creazione di un habitat idoneo per numerose specie ornitiche di interesse conservazionistico. Per una corretta gestione con finalità naturalistiche di un prato tramite utilizzo di pascolo bovino, il pascolo deve essere gestito razionalmente, tramite stesura ed attivazione di un piano di pascolamento che preveda il pascolo a rotazione,  tramite utilizzo di recinti elettrici temporanei, in quanto il pascolamento libero su ampie superfici ha conseguenze negative sulla composizione delle specie floristiche e sulla produttività del pascolo.

Tale Azione verrà svolta nell’area “I Geraci”, di proprietà del ConsorzioParco del Ticino, ove verrà costituita una nuova area prativa nell’ambito dell’Azione5 asostituzione di un pioppeto industriale, e in altre aree prative di proprietà delParco del Ticino, per un totale di circa10 ettari.

Gli interventi verranno realizzati da aziende agricole operanti nell’area protetta.

I commenti sono chiusi.